lunedì 21 aprile 2008

7° puntata spezie Carthamus tinctorius









Il carthamus tinctorius noto con i nomi comuni cartamo e zafferanone ed è costituito dai fiori di una pianta che cresce spontanea in Oriente e anche lungo la riviera francese. Viene coltivato in molti luoghi caldi per estrarre dalle corolle la cartamina che è un colorante per cibi dall’aroma e dal sapore che ricorda un po' quello dello zafferano.

Caratteri botanica

Il cartamo è una composita annuale, che giunge ad una altezza di 1-1,4m; caratteristica per la spinosita' delle foglie superiori e delle bratte fiorali. La radice è tipicamente fittonante, molto profonda ( 1-1,5m). Ogni ramificazione termina con una infiorescenza a capolino che porta fino a 100 fiori, tutti tubulati, circondatida una plurima serie di bratte spinose. I fiori sono gialli, giallo-rossastri o anche bianchi. A fecondazione avvenuta, prevalentemente autogama, i fiori, evolvono in acheni di colore bianco brillante che a maturita' anno un contenuto di acqua del 9%-10% ed uno di olio del 38%-40%. Attualmente il cartamo ha importanza soprattutto come pianta oleifera; il suo interesse per l'italia è solo potenziale. mamo


Tecnica colturale

La SEMINA nell'italia peninsulare puo' essere fatta in autunno purché le temperature non scendano sotto i -7°C, che segna la soglia di sopravvivenza delle piantine allo stato di rosetta. La semina autunnale è preferibile inquanto, anche se molto resistente all'aridita', fa sfuggire la coltura alla siccita' estiva. La semina si fa a righe distanti da 0,30 a 0,45m con quantita' dell'ordine di 25kg ad ettaro per assicurare 50 piante a metro quadrato. Il DISERBO puo' essere fatto con Metribuzin o Propyzamide, in pre-emergenza oppure in post-emergenza con Alossidim-sodio. La CONCIMAZIONE è sufficente farla con: 60-70kg ad ettaro di fosforo e 100-120 kg ettaro di azoto da dare tutto in copertura. La RACCOLTA si fa a luglio-agosto, alcune settimane piu' tardi del frumento,quando le piante sono disseccate fin quasi al piede e la granella non ha piu' del 10% di acqua. Si attua con mietitrebbiatrice. Le rese conseguibili, nelle regioni siccitose dove il cartamo potrebbe trovare impiego, sono di 1,5-2 t all'ettaro. mamo

Proprietà

Questa spezia ha il potere di far coagulare il latte e rendere consistenti creme e budini. Come colorante viene usata nella fabbricazione di belletti e rossetti. La tradizione popolare le associa le proprietà di prolungare vigore fisico, agilità mentale e attività sessuale.

In cucina

La polvere di cartamo può sostituire lo zafferano, ma il suo sapore è piuttosto lieve, mentre il colore è intenso. L’impiego come coagulante è in atto soltanto a livello industriale. Volendo preparare l’infuso, bisogna mettere a bagno 2 gr di cartamo in una tazza di acqua bollente, filtrare e bere con l’aggiunta di miele.

Curiosità

Nel Medioevo, alle persone non più giovani, si somministrava ogni giorno un infuso di cartamo e la stessa usanza è ancora in atto in India e in Africa.

7 commenti:

  1. Evviva la nostra esperta in tutto specialmente in botanica, è poco dirti brava io dico BRAVISSIMA....
    buona serata cara nuvoletta...

    RispondiElimina
  2. quindi non e'proprio zafferano....
    ottimo post,quante curiosita'che sai..

    RispondiElimina
  3. Questa mi era completamente sconosciuta....

    Nel mio ultimo post, visto che l'avevo usato nella ricetta, ho linkato tuo post sul cardamomo, era cosi interessante e completo!
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  4. Buongiorno nuvi... è interessantissimo quello che scrivi... brava!
    ma perchè si dava alle persone anziane?

    RispondiElimina
  5. Buongiorno a tutti....l'ipotesi mia che lo usano per la longevità..

    RispondiElimina
  6. bellissimo questo posta nel tuo blog stò imparando tantissimo!!!! ed è anche una pianta a me sconosciuta! grazie!!!!

    RispondiElimina

Grazie della visita..........^_^