domenica 27 luglio 2008

cydonia oblonga

Il cotogno (Cydonia oblonga, Mill. 1768) è una pianta della famiglia delle Rosaceae coltivata per i suoi frutti.
È una delle più antiche piante da frutto conosciute: era coltivato già 4.000 anni fa dai Babilonesi, tra i Greci era considerato frutto sacro a
Venere e in epoca romana era ben noto, venendo citato da Catone, Plinio e Virgilio.
Le varietà con i frutti a forma di mela sono dette meli cotogni, mentre quelle con i frutti più allungati sono dette peri cotogni.

Morfologia


Si presenta come un piccolo albero deciduo, che può raggiungere i 5-8 m di altezza.
Le
foglie alternate, semplici, sono lunghe 6-11 cm, con margine intero, pubescenti.
I
fiori sono bianchi o rosa, con cinque petali.
I
frutti, di colore giallo oro intenso, sono di dimensioni variabili, asimmetrici, maliformi o piriformi. L'epicarpo è fittamente ricoperto di peluria che scompare a maturazione. La polpa è facilmente ossidabile, poco dolce ed astringente.
I
semi sono poligonali, numerosi, spesso agglutinati tra loro da uno strato di mucillagine.

Tassonomia
È l'unica specie del genere
Cydonia. Altre specie in precedenza incluse in questo genere sono oggi attribuite ad altri generi. Tra esse il cotogno cinese (Pseudocydonia sinensis), e alcune specie del genere Chaenomeles.

Diffusione
Originario dell'
Asia Minore e della zona del Caucaso, oggi è diffuso principalmente nell'areale occidentale del Mediterraneo ed in Cina; un tempo molto diffuso anche in Italia, dagli anni '60 ad oggi si è verificata una notevole contrazione della produzione.

Usi
Il frutto è usato per la preparazione di marmellate (cotognata), gelatine, mostarde, distillati e liquori. I frutti venivano anche posti negli armadi e nei cassetti per profumare la biancheria. Il distillato di Mela Cotogna viene prodotto nella zona della bassa parmense più precisamente nella zona di Roccabianca (PR) e viene denominato sburlon

Riconoscimenti
Su proposta della regione Abruzzo il ministero ha riconosciuto la marmellata di cotogne come Prodotto agroalimentare tipico.

Curiosità
Il frutto del cotogno è usato come nutrimento dalle
larve di alcune specie di lepidotteri quali Bucculatrix bechsteinella, Bucculatrix pomifoliella, Coleophora cerasivorella, Coleophora malivorella.

12 commenti:

  1. era conosciuto anche in passato allora!!

    Buona domenica!! un baciotto!!

    RispondiElimina
  2. Ciao cara Nuvi,
    mi ha fatto molto piacere la tua visita e molto di più il tuo autoinvito, aspettandoti ho messo il vino al fresco.
    Sai che i complimenti per le tue preziose informazioni sono più che meritate.
    Bacio
    Nino
    PS. cerchi di riposarti un pochino di più

    RispondiElimina
  3. Mi sa che devi cominciare a pensare alla pubblicazione di un bell'erbario!

    RispondiElimina
  4. Ciao Nuvi, bentornata e buona domenica!

    RispondiElimina
  5. bentornata a casa e buon inizio di ferie...goditele mi raccomando e cerca di nn pensare al lavoro
    baci baci baci

    RispondiElimina
  6. Bravissima!!
    le tue informazioni sulle cotogne sono veramente interessanti e molto gradite!!!
    Spesso mangiamo degli alimenti senza conoscerne la provenienza e tu ci aiuti a colmare le numerose lacune...
    Baci
    Grazia

    RispondiElimina
  7. ciao cara tutto ok??? mi dispiace non riuscire a " beccarti " ... ;)
    cmq un bacio te lo mando ugualmente , a prestooooooooo!!!

    RispondiElimina
  8. Interessantissimo, cara Nuvoletta.
    Giusto sabato in trasmisisone è arrivata una telefonata di una signora che fa la marmellata di mele cotogne!
    Un bacione e buona giornata.

    RispondiElimina
  9. Ciao tutti, gran mare e gran spiaggia sto faccendo....in questi giorni vado a trovar gli amici son sparsi per il litorale,con la scusa del lavoro non ci vediamo mai,parto mercoledi sera giovedi lavoro, buona giornata a tutti

    RispondiElimina
  10. sempre post interessantissimo!!
    un bacione bellezza ;)

    RispondiElimina
  11. grande1!!
    a me piace moltissimo ;)

    RispondiElimina

Grazie della visita..........^_^